Chi sono

Sono un giovane cardiologo, ho 35 anni e vivo all’estero.

Mi dedico a tempo pieno alla ricerca nel campo dell’ elettrofisiologia cardiaca.
Questo “sito” è dedicato a tutti coloro che, come me, amano l’aritmologia ed è loro passione.

Einthoven, padre dell’elettrocardiogramma, durante i suoi primi esperimenti a Leiden, con il suo originale galvanometro

 

 

3 thoughts on “Chi sono”

  1. Stefano Benussi says:

    Hai anche un nome?
    Bel lavoro. Complimenti.

  2. fabrizio says:

    medico di E.T
    ti chiedo cortesemente di chiarirmi un dubbio:
    nel BAV II° grado tipo Mobitz, la P che occasionalmente non viene trasmessa, può essere così anticipata che talvolta mi viene fatto di pensare ad una CPA cioè ad una extrasistole atriale non condotta, quali sono gli elementi che mi aiutano nella diagnosi? grazie

    1. admin says:

      Ciao Fabrizio,
      grazie per avermi scritto.

      Una extrasistole atriale è, come sappiamo, una depolarizzazione precoce. Questa può originare in qualsiasi parte degli atri (vene polmonari, atrio basso, crista terminalis ..etc) e, nella maggior parte dei casi, specialmente nelle persone giovani, viene condotta ai ventricoli senza nessun problema. Le extrasistoli atriali dunque hanno la caratteristica di avere una morfologia diversa da quella sinusale) e di essere precoci (l’Intervallo P-P sarà sempre diverso, anticipato). Come tu hai sottolineato, nelle persone piu anziane talvolta le extra sistoli atriali si bloccano (non vengono condotte, per ridotta conduzione intra-atriale ad esempio) e il dubbio che queste siano un blocco mobitz II può sorgere. Ti basterà guardare la morfologia (se hai un holter 12 derivazioni) diversa, e l’intervallo P-P che è anticipato (mentre nel blocco AV mobitz II è sempre uguale).

      Spero ti sia utile,
      sei bevenuto nel forum di aritmologia (vedi link sopra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quanto fa *